PoliTo Techshare Day 2018, gli inventori presentano i prototipi

PoliTo Techshare Day 2018, gli inventori presentano i prototipi

La nuova edizione di Polito Techshare Day 2018, che si terrà giovedì 27 settembre, è dedicata alla presentazione ad aziende ed investitori di una selezione di prototipi tecnologici che sono stati sviluppati con il contributo dei finanziamenti Proof of Concept interni all’Ateneo.

Nato con l’obiettivo di promuovere le attività di trasferimento tecnologico l’evento Polito Techshare Day è dedicato a far conoscere i brevetti e gli inventori del Politecnico, oltre che a creare occasioni di reciproca conoscenza e collaborazione.

 Seguendo il format di successo degli anni passati la giornata sarà divisa in due momenti, gli incontri one to one e la conferenza.

INCONTRI ONE TO ONE (Sala Consiglio di Facoltà, 9:30-11:00 e 14:00-17:30)
La giornata prevede una sessione mattutina ed una pomeridiana di incontri one to one con gli inventori, che mostreranno i prototipi delle loro tecnologie brevettate, spiegandone le possibili applicazioni.

I partecipanti potranno organizzare gli incontri tramite un’agenda online, che permetterà loro una gestione personalizzata della giornata in base ai propri interessi: sarà sufficiente prenotare la tecnologia desiderata all’ora desiderata. Gli incontri avranno durata di 30 minuti ciascuno.

CONFERENZA E TAVOLA ROTONDA (Aula Magna, 11:00-13:00)
Durante la mattinata saranno interrotti gli incontri per far spazio alla conferenza “Unicorni o formiche? Opportunità e rischi per chi fa impresa innovativa oggi”, che sarà preceduta dalla presentazione di due spin-off accademici di successo nati e cresciuti con caratteristiche e peculiarità contrapposte.

 L’evento è aperto a tutti, previa registrazione (incontri e/o conferenza):

www.eventbrite.it/e/biglietti-polito-techshare-day-2018-48589028091

www.knowledge-share.eu/evento/polito-techshare-day-2018/

L’evento è organizzato con la collaborazione di Intesa Sanpaolo.
———————————————————–

PROGRAMMA DELL’EVENTO

9:00 – 9:30
Registrazione partecipanti

9:30 – 11:00
Incontri one to one con gli inventori (Sala CdF)

11:00 – 11:15
Saluti istituzionali, introduzione alla giornata (Aula Magna)
Giuliana MattiazzoVice Rettrice al Trasferimento Tecnologico – Politecnico di Torino
Luca PagettiResponsabile Servizio Finanziamento e Crescita Startup – Innovation Center  Intesa Sanpaolo

11:15 – 11.45
Casi aziendali: Ermes “vs.” Wave For Energy.
Stefano Traverso (CTO Ermes) e Andrea Gulisano (CEO W4E) presentano le due imprese spin-off attraverso la contrapposizione di alcune loro caratteristiche: software vs. hardware; giovane vs. “anziana” giovane; capital intensive vs. labour intensive; crowdfunding vs. business angel

11:45 – 13:00
Tavola rotonda:  “Unicorni o formiche? Opportunità e rischi per chi fa imprenditorialità innovativa oggi”.

Ne discutono:
Giuliana MattiazzoVice Rettrice al Trasferimento Tecnologico – Politecnico di Torino
Leone PattofattoChief Strategic Equity Officer  – Cassa depositi e prestiti;
Enrico PochettinoDirettore Innovazione e Internazionalizzazione – Gruppo IREN
Andrea AlunniPresidente – LINKS Foundation
Nicola RediManaging Partner – Venture Factory
Giancarlo RocchiettiPresidente – Club degli Investitori
Massimiliano Ceaglio: General Manager – Mamacrowd

Modera Luca Ferrua, Caporedattore Cronaca di Torino – La Stampa.

13:00 – 14:00 Light Buffet

14:00 – 17:30 Incontri one to one con gli inventori (Sala CdF)

 

 

Profiting from Innovation: Firm Level Evidence on Markups (Prof Bruno Cassiman – IESE Business School)

Profiting from Innovation: Firm Level Evidence on Markups (Prof Bruno Cassiman – IESE Business School)

July 6th, 2018 – 09:30 – 10:45 am.

Politecnico di Torino –  Corso Duca degli Abruzzi 24, 10129 – Torino

Sala Consiglio di Facoltà

Abstract: While innovation is argued to create value, private incentives of firms to innovate are driven by what part of the value created firms can appropriate. In this paper we explore the relation between innovation and the markups a firm is able to extract after innovating. We estimate firm-specific price-cost margins from production data and find that both product and process innovations are positively related to these markups. Product innovations increase markups on average by 5.1% points by shifting out demand and increasing prices. Process innovation increases markups by 3.8% points due to incomplete pass-through of the cost reductions associated with process innovation. The ability of the firm to appropriate returns from innovation through higher markups is affected by the actual type of product and process innovation, the firm’s patenting and promotion behavior, the age of the firm and the competition it faces. Moreover, we show that sustained product innovation has a cumulative effect on the firm’s markup.
(Co-author: Stijn Vanormelingen, University of Leuven)

Bruno Cassiman (Ph.D. 1996, Northwestern University) is Professor of Strategy and the Nissan Chair of Corporate Strategy and International Competitiveness in the Strategic Management Department of IESE Business School in Barcelona. He is also the Herman Daems Chair of Strategy and Entrepreneurship at the Department of Managerial Economics, Strategy and Innovation at the University of Leuven in Belgium. His research interests have centered on the economics of strategy and innovation with a particular focus on the connections between science and industry in the innovation process.  His work has been published in the leading Economics and Management journals. Furthermore, he was the department editor of the Business Strategy department at Management Science from 2009 to 2017. He co-edited a book on the relation between mergers and acquisitions and innovation (M&A and Innovation: The Innovation Impact, Edward Elgar 2006) and has been a consultant to the European Commission, the Belgian, Flemish and Catalan governments on matters of innovation policy and to several companies on matters of (innovation) strategy.

Registration at: https://goo.gl/forms/9PgQz9iGKPBAAbsN2

Info at: daniele.battaglia@polito.it

 

 

E4T, the new Erasmus+ entrepreneurship transnational training program for engineering students

E4T, the new Erasmus+ entrepreneurship transnational training program for engineering students

The Entrepreneurship Education Ecosystems in Engineering and Technology (E4T) is an Erasmus+ Strategic Partnership including KTH Royal Institute of Technology (coordinator), Aalto University (co-coordinator), Trinity College Dublin, TU Darmstadt, Politecnico di Torino, Instituto Superior Técnico Lisboa, and KU Leuven.

The project will last 3 years, from 2018 to 2020, and its overall objective is to provide more graduates in engineering with entrepreneurial ambition, culture, and skills. The project also aims to increase the awareness of the importance of entrepreneurial skills and competences for international engineering education within university ecosystems and beyond.

The specific aims for this transnational project are to:

  • Develop models for ingraining entrepreneurship education into specific engineering and technology curricula at the M.Sc. level at the different partner universities.
  • Create university – level and transnational training programs for teachers (professors/academic staff) to integrate elements promoting the development of entrepreneurial skills via specific engineering/technology/science disciplines.
  • Build a network for Entrepreneurship education by implementing a pilot among the Cluster Universities and within their entrepreneurial ecosystems. It will include the sharing of best practices regarding hands-on-entrepreneurial skills within accelerators, local hubs, technology platform and start-ups cofounded by students. Transnational implementation of the project will allow students from the participating universities to access resources belonging to the Cluster network and to share approaches applied within the different entrepreneurial ecosystems.

Prof. Alessandra Colombelli, Prof. Emilio Paolucci, PhD Giuliano Sansone and Prof. Elisabetta Raguseo are the members of the PoliTO team.
The role of PoliTO team is twofold: to define an entrepreneurship transnational training program for engineering students by developing specific curricular and extra-curricular courses on hi-tech entrepreneurship, and to study interactions with the Turin entrepreneurial ecosystem (including TTO, entrepreneurship centre, accelerators & incubators, etc.).

Smart Mood Reader, le “emozioni” protagoniste del nuovo hackathon del CLIK.

Smart Mood Reader, le “emozioni” protagoniste del nuovo hackathon del CLIK.

Successo per il secondo hackathon del CLIK del 12 e 13 marzo scorsi, basato sulla challenge di ideare uno “Smart Mood Reader”.

Circa 30 studenti hanno lavorato per due giorni all’elaborazione di un device capace di “leggere” le informazioni sullo stato d’animo e le emozioni delle persone, e successivamente di reagire eseguendo determinate azioni in grado di modificare alcuni parametri ambientali.

Prima di iniziare i loro lavori gli studenti hanno ascoltato con attenzione l’intervento di Walter Rivetti, doppiatore, dialoghista e direttore del doppiaggio (tra i molti suoi lavori, la sua voce doppia alcuni personaggi di South Park). Rivetti, con un approccio a metà strada tra il tecnico e l’artistico, ha mostrato come sia possibile riconoscere alcune delle caratteristiche della voce (il volume, i toni, le pause, il mordente) per ottenere determinate reazioni, consapevoli e non, negli ascoltatori.

 

Quindi, dopo essersi divisi in team, i partecipanti hanno iniziato i loro lavori, programmando la gestione dei tempi, l’ideazione del progetto e la sua esecuzione.

Questi i tool che hanno avuto a disposizione: schede Raspberry con relativi componenti per l’elaborazione audio e video, microntrollore K64F con sistema operativo mbed OS come nodo terminale della rete IoT, ambiente di sviluppo Linux, il software Python3 quale linguaggio di programmazione e Google cloud per la gestione del riconoscimento facciale. Un tutor esperto di informatica è rimasto a disposizione dei ragazzi per fornire il supporto necessario.

Con l’eccezione di un team che si è ritirato dalla competizione al  termine del primo giorno (anche se il significato ultimo dell’hackathon è la partecipazione in sé e ciò che se ne può apprendere, specialmente dagli errori), tutti gli altri sono riusciti a proporre entro la scadenza un prototipo o un concept che sono poi stati presentati pubblicamente  alla giuria. La presentazione è durata 5 minuti, di cui 3 dedicati al progetto e al team, e i restanti 2 utilizzati per mostrare le modalità di funzionamento del prototipo. Tutti i progetti (OVU, B-Cquit, Doory, Feels, PYna) sono stati pertinenti rispetto al tema della sfida, ed hanno riguardato soluzioni in ambito della domotica o dei wearable device, connessi in cloud o ristretti all’ambiente domestico.

Al termine della valutazione tutti i team hanno ricevuto sinceri elogi ed apprezzamenti per l’innovatività delle loro idee, la complessità dei progetti e l’impegno dimostrato, tanto da essere tutti dichiarati vincitori dell’hackathon e guadagnare il diritto a frequentare gli spazi del CLIK nei prossimi mesi per l’avanzamento nello sviluppo del prototipo. I gruppi di lavoro che intenderanno farlo dovranno presentare entro una settimana un resoconto puntuale dell’esperienza fatta durante l’hackathon e di come intenderanno pianificare il successivo trimestre. L’obiettivo finale è portare un prototipo funzionante alla Torino Mini Maker Faire che si terrà il prossimo giugno.

Sono molto soddisfatto di quanto è stato fatto. Il lavoro non termina con l’hackathon, anzi. Sarebbe un peccato non continuarlo, considerato l’enorme impegno di questi giorni degli studenti, alcuni al primo anno”, ha dichiarato il professor Massimo Violante, referente accademico del progetto.

Con le attività portate avanti dal CLIK si sta procedendo nella giusta direzione, che è di permettere uno scambio trasversale di idee che favoriscano nuove forme di imprenditorialità – afferma il Vice Rettore per il Trasferimento Tecnologico, Emilio Paolucci – e la qualità dei progetti lo dimostra. La tecnologia è in grado di creare un reale impatto nella vita delle persone, il nostro Ateneo genera le condizioni affinché il talento dei nostri studenti lo renda concreto”.

Open Innovation Contest 7.0 di NTT Data: menzione speciale a Toothpic

Open Innovation Contest 7.0 di NTT Data: menzione speciale a Toothpic

Toothpic, spin-off del Politecnico di Torino, ha ricevuto la speciale menzione Zamma Award all’Open innovation Contest 7.0 Italia, organizzato da NTT Data Global IT Innovator, parte del colosso giapponese NTT Group che fornisce servizi e soluzioni IT diversificati (consulenza, system integration, outsourcing). Il premio è stato assegnato da Kotazo Zamma,  Head of Section of Open Innovation and Business Incubation NTT DATA Corporation.

La competizione tra startup viene organizzata ogni anno per creare opportunità di business congiunto e presentare tecnologie avanzate in grado di proporre soluzioni a sfide di portata globale, quali povertà, fame, energia, cambiamenti climatici.

Toothpic, costituita nel 2016, ha sviluppato e brevettato una innovativa tecnologia di identificazione fotografica basata su un nuovo formato compresso di “impronta digitale”. La tecnologia consente di identificare il processore (presente ormai su quasi tutti i device elettronici) che ha scattato una fotografia, sfruttando il fatto che ogni sensore lascia un’unica e identica impronta in tutte le foto.

Fanno parte del team di Toothpic:
Enrico Magli, Presidente
Giulio Coluccia, CEO
Tiziano Bianchi, R&D Director
Diego Valsesia, CTO

Enertun nominato tra i 5 top progetti di innovazione geotermica del 2018

Enertun nominato tra i 5 top progetti di innovazione geotermica del 2018

Egec (European Geothermal Energy Council) ha selezionato Enertun tra i 5 migliori progetti europei di settore.

La tecnologia di Enertun (ne avevamo parlato qua) è in corsa quindi per aggiudicarsi il premio EGIA 2018 (European Geothermal Innovation Award), il prestigioso riconoscimento rivolto alle idee più importanti ed innovative nella ricerca e nell’industria in campo geotermico.

Dopo aver ricevuto 19 proposte da aziende ed istituti di ricerca europea, Egec (European Geothermal Energy Council), l’organizzazione no-profit che promuove l’iniziativa, ha infine selezionato i progetti più innovativi.

La tecnologia Enertun è stata ideata dal team del professor Marco Barla, docente del Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Edile e Geotecnica del Politecnico. Consiste in conci prefabbricati che contengono tubi nei quali scorre un liquido termoconvettore, e che vengono installati all’interno di gallerie durante la fase di scavo. La temperatura costante che si incontra nel terreno a pochi metri di profondità permette così ai conci di scambiare calore e raffrescamento con gli edifici situati nei pressi delle gallerie durante le stagioni fredde e calde.

Il 1° di marzo verrà proclamato il vincitore, durante l’expo GeoTHERM a Offenburg (Germania).

I progetti vincitori del bando Proof of Concept del Politecnico di Torino /2

I progetti vincitori del bando Proof of Concept del Politecnico di Torino /2

Di seguito l’elenco della prima call del 2017

1 – AQUA SMART. Digital sensor to measure the instantaneous flow of pressure networks

Project Manager: Prof. Fabrizio PIRRI

AquaSmart: the solution to water network losses

Water utilities are currently relying on obsolete, expensive, and labor-intensive analog methods to capture usage data in their networks. This lack of data coupled with the progressive deterioration of the network causes, on average in Europe, 30% of water losses (39% in Italy) . This problem generates additional costs for water utilities and, in the event of pipe breaks, the lack of potable water for end users.

How does it work?

A smart meter (patent pending), will replace current residential meters and will be able to measure water flow and pressure data in real time in an energy effienct way;

An innovative management software (based on “machine learning” and neural networks) that identifies the position of water leaks by interpreting the data collected by the new meters and, unlike other competing solutions, the need to realize long and expensive network models.

The objective of the Project is to develop a prototype of the complete solution composed by the sensor (1), an electronic control board to acquire the data from the sensor and send it (2) using long rage radio communications to the software (3) that will then store and analyze this data.

 

2- ARIA3. Module of ventilation and biological purification of internal and external air to an environment

Project Manager: Prof. Orio De Paoli

Aria3 is a ventilation system, composed of a device that uses the properties of the plants to purify the indoor and outdoor air and that contributes to the maintenance of the conditions of comfort inside, limiting the production of non-renewable energy. This device is the combination of nature and technology in a single element.

Aria3 is designed to be applied to the facade of buildings and it has a size suitable for every application.

The device is composed by:
– a metallic or wooden structure
– two windows
– heat exchanger
– the pot with the plants
– irrigation system (manual or automatic)
– lights
– display control

The polluted air (indoor and outdoor) enters in the system and the heat exchanger recovers the heat inside. The polluted air passes at first through the soil where it is absorbed and then through the leaves that capture the other pollutants. Finally the air enters indoor and it is purified, cleaned and it also has a good % of humidity.

Applications:
– Residential, commercial and industrial buildings, in skyscraper.
– The device can be used in new buildings or in buildings to be redeveloped.

Advantages:
– Necessary change of air inside, without introducing external pollutants.
– Improves the quality of the indoor air, with its recirculation’s system and indoor air purification’s system.
– Recovery of the heat from indoor space, so as to reduce the energy consumption for heating and cooling.
– The plants inside the device guarantees the optimum humidity in indoor spaces.

 

3- ATPC – Active Tire Pressure Control system

Project Manager: Prof. Stefano d’Ambrosio

The outputs of the calculations will be displayed on a user interface, to simulate how these data may be provided to the driver. In case the software-only solution is implemented on-board, the driver will still be in charge for manually adapting the tire pressure. Or, in case an automatic system is present on-board to manage autonomously tire inflation pressure, the calculated pressure can be provided as input to the actuators unit to inflate or deflate tires according to the need.

In this project, the software is running on a dedicated electronic hardware, which will be fed with data acquired from the vehicle electronic control unit through the diagnostic port (OBD), in addition to data acquired from the Tire Pressure Monitoring System, the GPS module and an inertial unit. These data will be provided to the experimental ECU through a vehicle simulator able to reproduce the CAN signals as originally acquired on-board. The software prototype will be coupled to the actuator unit of the ATPC – Active Tire Pressure Control system, developed and prototyped by the homonymous student team at Energy Department, Politecnico di Torino.

 

4 – COOLTIED. Cooling device for electric machines

Project Manager: Prof. Paolo Guglielmi

 

 

 

 

The present project aim to develop a specific cooling device for electric machines. The  development of such an element would allow for an easier integration of power electronic and electric machine, leading to a more compact and electromagnetic compatible solution. The speficic component will cool directly the copper inside the stator of the electric machine allowing also for the power electronic sustain and cooling.

These very nice features would be possible thanks to specific shapes in the electric machine and to the adopted materials actually available on the market.  The final result will be a real power electronic drive more than the sum of a power electronic box summed with an electric machine. The project starts with a real application based on previous project with a multiphase machine

 

5 – Condensatori per circuiti risonanti in applicazioni di potenza

Project Manager: Prof. Paolo Guglielmi

Il presente progetto è mirato allo sviluppo di condensatori realizzati tramite la tecnologia dei circuiti stampati multistrato per applicazioni ad alte tensioni, alte frequenze e alte correnti. Esempi classici di applicazione per i prototipi che si intendono realizzare sono tutti i sistemi legati al riscaldamento, alla saldatura, alla tempra e alla fusione tramite induzione elettromagnetica. In particolare, tale idea di tecnica realizzativa è nata per essere applicata alla realizzazione dei condensatori usati nei sistemi di ricarica wireless per veicoli elettrici sia a con veicolo fermo che in movimento. I condensatori realizzati possono superare i componenti attualmente disponibili sul mercato in termini di tensione tollerata, efficienza, dimensione e costo con precisioni di realizzazione estremamente elevate.

 

6 – De-icing system integrated in the aircraft

Project Manager: Prof. Paolo Maggiore

This invention is related to an anti-ice system fully integrated inside the structural panel of the leading edges. It is made by an aluminium or titanium sandwich panel with a trabecular core that acts both as heat exchanger and structural function. In this manner an improvement in the thermal efficiency it is achievable together with a reduction of the global mass.

Applications:
– Anti-Ice system for aircraft or helicopters
– Anti-Ice system for engine nacelles
– Anti-Ice in the fan blades

Advantages:
– Terrestrial high efficiency-heat exchanger
– Enhancing of the stiffness of the panel
– Better energy absorption (bird strike)
– Reduced thickness of the external wall
– System simplification
– Simplified maintenance
– Multi functional integration

 

7 – Device and method for the detection of the motion of a passenger car and the estimation of its sideslip angle

Project Manager: Prof. Stefano Mauro

The technology has the aim of measuring the main typical quantities that describe the kinematic behaviour of  a vehicle by the sensors included in a common smartphone and without any connection to the CAN network. The measured data can be used to evaluate the driving style, and they can be applied in drivers’ training as well as in sporting environment to monitor and increase the performance.

The proposed system can carry out measures which now are performed by expensive sensor sets, that makes impossible for trainers and small racing teams to use these kind of data in their business. The final product will be an application for Android phones.

 

8 – VITAL-ECG.  Dispositivo indossabile per l’acquisizione di segnali elettrocardiografici (ECG)

Project Manager: Prof. Eros Pasero

VITAL-ECG è un dispositivo in grado di monitorare i parametri vitali più importanti richiesti per il monitoraggio della salute di un paziente. Un normale orologio da polso (del tipo smartwatch) permette con un semplice tocco di dito di rilevare l’Elettrocardiogramma, il battito cardiaco, il livello di saturazione dell’Ossigeno nel sangue, la temperatura, l’umidità superficiale e il movimento compiuto dal soggetto nelle ultime ore. Le informazioni sono visualizzate da uno smartphone, registrate e inviate a un centro di assistenza medica remoto. Una semplice analisi è anche in grado di segnalare eventuali possibili problematiche. L’aspetto più interessante del dispositivo è che non richiede alcuna tecnica particolare. È infatti sufficiente toccare l’orologio per avere in 10 secondi tutte le informazioni.

 

 

9 – Bromide enhanced ozonation of wastewater with high loads of ammonia nitrogen

Project Manager: Prof. Barbara RUFFINO

The patent is aimed at treating industrial wastewaters, containing high concentrations of ammonia, by using an ozonation process that avoids generation of nitrate.

The treatment is based on the optimization of an already-know process that uses the reaction between ozone and bromide to generate hypobromous acid (HOBr) and, through this, gaseous nitrogen.

With the PoC project we want to better understand the role of some boundary conditions on the success of the process and on the generation of unwanted byproducts (bromate, BrO3-).

BOUNDARY CONDITIONS:
– Ratio between O3 : NH4+ : Br
– pH and agents for its regulation (HCO3-, PO4=, citric acid or others)
– Presence of organic matter

Applications:
– Treatment of wastewaters originated from the adsorption of ammonia
– Purification of wastewater of municipal and industrial origin if natural bromide is present
– Purification and sanification of waters from aquaculture ponds in marine environments

Advantages:
– Rapid process for the ammonia removal
– No generation of sludge from precipitation processes
– No need of buffering species for wastewaters with high alkali content
– Control of the nitrate generation
– Low environmental impact

 

10 – Method for the controlled delivery of colloids in porous media

Project Manager: Dott. Tiziana Tosco

Over 1.2 million of contaminated sites across Europe. Only 60,000 already remediated. EPA estimated a cost of $250 billion to remediate 350,000 polluted sites in USA.
Nanoremediation is an innovative technology for the remediation of contaminated aquifers, which involves the subsurface injection of engineered nanoparticles (NPs) to create a reactive zone for in-situ treatment of pollutants.

PROS: It is a non-invasive and flexible approach, which can significantly reduce the time needed for the site restoration even in presence of strongly recalcitrant pollutants.

CONS: High cost of NPs and no control on NP distribution and long term fate.

The PROBLEM: In field applications, effective delivery and appropriate dosing of NPs is necessary for the correct emplacement of the in situ reactive zone and to minimize remediation costs. NPs need to be precisely delivered to the target zone and to be stable over time, to extend the remediation lifetime and to prevent their uncontrolled migration. NanoTune is an innovative method to precisely control the transport and distribution of NPs in porous media and optimize nanoremediation. The method involves the tuned injection of a stable NP suspension and of a retardant agent to induce the controlled and irreversible accumulation of nanoparticles within a target zone.

Tuned and Irreversible deposition of iron oxide NPs was achieved at the center of sand columns by applying the NanoTune approach in simple domains (laboratory scale). An integrated experimental – modelling approach was developed to design the case-specific injection protocol for NP immobilization in 1D geometry.

EXPECTED RESULTS:
– Technology tested and validated in extremely controlled conditions
– Model supported design for large scale applications
– Ready for testing in real field sites!

Maker Faire Rome 2017: il Politecnico partecipa con il CLIK

Maker Faire Rome 2017: il Politecnico partecipa con il CLIK

Si chiamano RAX e ToDAy e sono i due prototipi funzionanti interamente sviluppati all’interno del CLIK, il Contamination Lab & Innovation Kitchen che hanno partecipato alla Maker Faire Rome 2017, la fiera che celebra la cultura del “fai da te” in ambito tecnologico alla base del “movimento makers”, dove aziende, appassionati e scienziati possono partecipare a workshop ed incontri per la condivisione delle ultime novità tra innovazioni e invenzioni. L’evento romano è il più importante nel mondo fuori dagli USA e il secondo più visitato al mondo, avendo fatto registrare l’anno scorso il record di presenze con 110.000 visitatori.

Il Politecnico era quindi presente con i due progetti RAX e ToDay, innovazioni per l’assistenza virtuale: il primo è una soluzione utile in caso di riunioni di lavoro o conferenze che, dietro input vocale, attiva il movimento di un dispositivo dotato di fotocamera e microfono, permettendo ai relatori lungo il tavolo di fare streaming video a un monitor esterno;  ToDAy  (Tutorial Developer Assistant) invece è un apparecchio in grado di registrare tutorial mentre vengono realizzati, fornendo aiuto tramite l’attivazione vocale durante situazioni in cui non c’è tempo o modo di interrompere il lavoro.

I lavori sono stati realizzati impiegando il software di riconoscimento vocale di Alexa (l’assistente virtuale di Amazon) e di schede Raspberry Pi3, utilizzando poi una stampante 3D per creare il prototipo. La progettazione iniziale è avvenuta durante l’hackathon che a fine settembre ha inaugurato il CLIK, lo spazio del Politecnico dove gli studenti possono sperimentare e mettere in pratica le loro competenze apprese a lezione in un ambiente informale che promuove lo spirito creativo.

Con l’avvio del CLIK è stata anche sancita la collaborazione tra l’Ateneo e i primi due partner, Conrad Electronic e Mouser Electronics, che hanno messo a disposizione la propria attrezzatura nel laboratorio innovativo destinato agli studenti. In occasione della Maker Fair i due team del Politecnico sono stati ospitati presso gli stand dei partner, dove hanno mostrato i loro prototipi al pubblico riscuotendo l’interesse di alcune aziende e dei visitatori.

Arrivare a “fare” partendo da diversi “saperi” è uno degli obiettivi alla base della nascita del CLIK: per trasferire la conoscenza e i frutti della ricerca alla società e alle imprese la contaminazione tra le varie discipline è ormai un elemento chiave per collegare le idee e le capacità di innovare degli studenti alle richieste del mondo industriale ed economico.

Tre spinoff del Politecnico premiate al Premio Nazionale Innovazione

Tre spinoff del Politecnico premiate al Premio Nazionale Innovazione

Ottimo risultato per le spin off del Politecnico al PNI2017 – Premio Nazionale per l’Innovazione, promosso dalla rete nazionale degli incubatori di impresa universitari (PNICube) e FS Italiane, che si è tenuto presso l’Università di Napoli il 30 Novembre e il 1° Dicembre 2017.

In gara 1031 idee di impresa e 530 business plan, che hanno consentito l’individuazione di 65 startup finaliste suddivise nelle 4 categorie principali (ICT, Industrial, Life Sciences, Cleantech & Energy).

Vincitrice per la categoria ICT (sponsorizzata da Pricewaterhouse Coopers Spa) e del Premio speciale “Shark Bites” di 50.000 euro assegnato da Boost Heroes, società di Venture Capital, è stata la torinese Ermes Cyber Security.
Nata come spin-off del Politecnico di Torino, la società fa parte del programma di incubazione di I3P ed è stata fondata da Hassan Metwalley, Stefano Traverso e Marco Mellia con lo scopo di proteggere aziende ed utenti dal furto di informazioni sensibili ad opera di sistemi di profilazione, i cosiddetti web tracker, algoritmi che analizzano il traffico internet e da esso estraggono informazioni che permettono di far apparire pubblicità targettizzate sulla base della cronologia web.

Premi speciali assegnati anche ad altre due spin off dell’ateneo incubate presso I3P: ad Aquasmart il Premio Speciale “Innovation Award” – Ambasciata Britannica, assegnato ad una società già costituita e con concrete ambizioni di espansione internazionale. Il premio include l’opportunità per un rappresentante della start-up selezionata di accedere gratuitamente a un Investor Readiness Training – Bootcamp.
Aquasmart è la startup che propone una soluzione hardware e software innovativa (brevetto depositato insieme al Politecnico di Torino) con lo scopo di aiutare i gestori idrici a non sprecare acqua dolce e, al contempo, di rendere le reti idriche meno costose e più facili da gestire, in modo da garantire un costante accesso all’acqua potabile a tutti i cittadini.

Alla startup WoundViewer è andato invece il Premio Speciale “Innovazione Health Care”, assegnato dall’’Associazione Italiana Ingegneri Clinici (AIIC), nell’ambito del Progetto Innovazione, rivolto allo sviluppo di soluzioni per l’innovazione tecnologica nell’erogazione dei servizi sanitari. Vengono offerti al vincitore: supporto economico per lo sviluppo dell’idea imprenditoriale; un coach AIIC per facilitare lo sviluppo del progetto imprenditoriale con riferimento alla sua presentazione al mercato; un supporto per individuare siti ospedalieri disponibili per la sperimentazione clinica; uno spazio di presentare dell’iniziativa.
WoundViewer ha messo a punto un dispositivo medico che acquisisce e processa automaticamente, in pochi minuti, le immagini delle ferite ulcere cutanee, attraverso un algoritmo di intelligenza artificiale (AI) in grado di fornire al medico i parametri fondamentali delle lesioni e di organizzare le informazioni in cartelle cliniche digitali. Il device permette agli operatori sanitari di identificare sin da subito la migliore terapia per il paziente, riducendo di oltre il 30% il rischio di complicazioni cliniche.

Le tre aziende – che hanno ottenuto l’accesso a PNI2017 in quanto posizionatesi tra i primi 6 classificati nel corso della Startup Piemonte e Val d’Aosta nell’ottobre scorso – nascono da brevetti di tecnologie che derivano dalla ricerca del Politecnico e che l’Ateneo ha licenziato loro, a conferma della consolidata capacità del Politecnico di creare un processo di trasferimento tecnologico ormai ampiamente riconosciuto e apprezzato.

Il processo di creazione di imprese innovative messo in pratica dal Politecnico di Torino dimostra sempre di più di raggiungere risultati di qualità e sostenibili – commenta Emilio Paolucci, Vice Rettore per il Trasferimento Tecnologico – tutti i vincitori di StartCup Piemonte e Val d’Aosta sono del Politecnico e alla finale nazionale le nostre tre spin off hanno vinto quattro premi, tra cui quello come migliore nell’ICT. Tutte queste start up vedono la presenza di PhD all’interno dei propri team, prestano attenzione alla valorizzazione della proprietà intellettuale, hanno ottenuto dall’Ateneo un finanziamento di tipo Proof of Concept e supporto amministrativo: tutti elementi ormai imprescindibili per il successo dell’attività di trasferimento tecnologico“.

Con la tecnologia “Enertun” la metropolitana può riscaldare (e raffrescare) le case

Con la tecnologia “Enertun”  la metropolitana può riscaldare (e raffrescare) le case

La geotermia è un principio che sfrutta il calore naturale della Terra per ottenere energia termica che può essere impiegata per uso domestico. In poche parole, si tratta di utilizzare il calore naturalmente prodotto dal nucleo del nostro pianeta, che si diffonde anche a poche decine di metri sotto la superficie. Il principio è piuttosto noto e utilizzato in diversi contesti, ma quello che succederà a Torino è unico in Italia: grazie a un brevetto del Politecnico di Torino, sarà possibile utilizzare la costruzione di un’infrastruttura di trasporto, come la metropolitana, per ottenere calore in inverno e raffrescare gli ambienti in estate. Il tutto utilizzando un elemento già strutturalmente presente nelle gallerie, cioè il “concio”, la struttura di calcestruzzo armato che riveste i tunnel e che, nel progetto del Politecnico, diventa “energetico”, cioè viene integrato con tubi contenenti un fluido che scambia il calore con il terreno circostante e lo può trasportare in superficie.

Il primo “concio energetico” italiano si chiama ENERTUN e grazie alle sue potenzialità è stato finanziato dal Politecnico di Torino attraverso il bando Proof of Concept, dedicato alla validazione e prototipazione delle tecnologie. Il concio è stato installato a scopo sperimentale nella tratta Lingotto-Bengasi della linea 1 della metropolitana di Torino in fase di costruzione.

La presentazione del progetto avverrà alla presenza di Emilio Paolucci, Vice Rettore per il Trasferimento Tecnologico del Politecnico di Torino, Maria Lapietra, Assessore ai Trasporti del Comune di Torino e Giovanni Currado, Amministratore Unico di Infra.To e inaugurerà il campo sperimentale realizzato nell’ambito di un progetto congiunto tra Politecnico di Torino, Infra.To e Consorzio Integra (CMC).

ENERTUN è un elemento strutturale prefabbricato di rivestimento della galleria che consente di scambiare calore con il terreno adiacente in modo da produrre energia termica. Può essere impiegato nella realizzazione di gallerie scavate mediante TBM, le cosiddette ‘talpe’, trasformando la galleria stessa in un grande scambiatore di calore con il terreno per realizzare sistemi di condizionamento e riscaldamento degli edifici in superficie e per produrre acqua calda.

Il progetto, realizzato dal gruppo di ricerca Rockmech, consentirà di testare lo scambio termico del prototipo di galleria energetica nel sottosuolo torinese in vista di possibili applicazioni future, come ad esempio la linea 2 della metropolitana.

 

Il professor Marco Barla, docente del Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Edile e Geotecnica del Politecnico, spiega: “La realizzazione di una galleria energetica consente di sfruttare il fatto che la temperatura del sottosuolo alla profondità di realizzazione dello scavo sia sostanzialmente costante tutto l’anno. Ad esempio a Torino risulta di 14°C, quindi molto più bassa della temperatura esterna estiva, mentre d’inverno è vero il contrario. Grazie ad una pompa di calore si può sfruttare questa differenza di temperatura per ‘spostare’ il calore da una parte all’altra, rinfrescando gli edifici d’estate e riscaldandoli d’inverno. Il concio ENERTUN consente lo sfruttamento intelligente di una fonte energetica locale e rinnovabile. Può trovare applicazione soprattutto nelle aree urbane, magari integrando la galleria energetica ai sistemi di teleriscaldamento. Si pensi ad esempio alla linea 2 della metropolitana di Torino che dovrebbe transitare in aree dove sono previsti nuovi insediamenti che potrebbero beneficiare del calore del sottosuolo, riducendone così l’impronta ecologica”.

“Abbiamo installato due anelli interamente costituiti da conci geotermici. È stato un lavoro impegnativo che ha richiesto oltre un anno e la collaborazione di molte persone. I primi dati raccolti dalla campagna sperimentale mostrano risultati molto promettenti, anche leggermente superiori alle valutazioni ottenute mediante i modelli numerici. La sperimentazione continuerà per un altro anno. Siamo molto fiduciosi di veder ripagati gli sforzi fatti”, aggiunge l’ingegner Alessandra Insana, dottoranda del Politecnico che sta seguendo in prima persona la sperimentazione in corso.

Il valore aggiunto di questa tecnologia risiede soprattutto nel fatto che si utilizza di fatto una struttura che sarebbe stata realizzata comunque. Viene così meno la necessità di scavare appositamente sonde e pozzi geotermici, con una conseguente riduzione dei costi complessivi.