Enertun nominato tra i 5 top progetti di innovazione geotermica del 2018

Enertun nominato tra i 5 top progetti di innovazione geotermica del 2018

Egec (European Geothermal Energy Council) ha selezionato Enertun tra i 5 migliori progetti europei di settore.

La tecnologia di Enertun (ne avevamo parlato qua) è in corsa quindi per aggiudicarsi il premio EGIA 2018 (European Geothermal Innovation Award), il prestigioso riconoscimento rivolto alle idee più importanti ed innovative nella ricerca e nell’industria in campo geotermico.

Dopo aver ricevuto 19 proposte da aziende ed istituti di ricerca europea, Egec (European Geothermal Energy Council), l’organizzazione no-profit che promuove l’iniziativa, ha infine selezionato i progetti più innovativi.

La tecnologia Enertun è stata ideata dal team del professor Marco Barla, docente del Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Edile e Geotecnica del Politecnico. Consiste in conci prefabbricati che contengono tubi nei quali scorre un liquido termoconvettore, e che vengono installati all’interno di gallerie durante la fase di scavo. La temperatura costante che si incontra nel terreno a pochi metri di profondità permette così ai conci di scambiare calore e raffrescamento con gli edifici situati nei pressi delle gallerie durante le stagioni fredde e calde.

Il 1° di marzo verrà proclamato il vincitore, durante l’expo GeoTHERM a Offenburg (Germania).

I progetti vincitori del bando Proof of Concept del Politecnico di Torino /2

I progetti vincitori del bando Proof of Concept del Politecnico di Torino /2

Di seguito l’elenco della prima call del 2017

1 – AQUA SMART. Digital sensor to measure the instantaneous flow of pressure networks

Project Manager: Prof. Fabrizio PIRRI

AquaSmart: the solution to water network losses

Water utilities are currently relying on obsolete, expensive, and labor-intensive analog methods to capture usage data in their networks. This lack of data coupled with the progressive deterioration of the network causes, on average in Europe, 30% of water losses (39% in Italy) . This problem generates additional costs for water utilities and, in the event of pipe breaks, the lack of potable water for end users.

How does it work?

A smart meter (patent pending), will replace current residential meters and will be able to measure water flow and pressure data in real time in an energy effienct way;

An innovative management software (based on “machine learning” and neural networks) that identifies the position of water leaks by interpreting the data collected by the new meters and, unlike other competing solutions, the need to realize long and expensive network models.

The objective of the Project is to develop a prototype of the complete solution composed by the sensor (1), an electronic control board to acquire the data from the sensor and send it (2) using long rage radio communications to the software (3) that will then store and analyze this data.

 

2- ARIA3. Module of ventilation and biological purification of internal and external air to an environment

Project Manager: Prof. Orio De Paoli

Aria3 is a ventilation system, composed of a device that uses the properties of the plants to purify the indoor and outdoor air and that contributes to the maintenance of the conditions of comfort inside, limiting the production of non-renewable energy. This device is the combination of nature and technology in a single element.

Aria3 is designed to be applied to the facade of buildings and it has a size suitable for every application.

The device is composed by:
– a metallic or wooden structure
– two windows
– heat exchanger
– the pot with the plants
– irrigation system (manual or automatic)
– lights
– display control

The polluted air (indoor and outdoor) enters in the system and the heat exchanger recovers the heat inside. The polluted air passes at first through the soil where it is absorbed and then through the leaves that capture the other pollutants. Finally the air enters indoor and it is purified, cleaned and it also has a good % of humidity.

Applications:
– Residential, commercial and industrial buildings, in skyscraper.
– The device can be used in new buildings or in buildings to be redeveloped.

Advantages:
– Necessary change of air inside, without introducing external pollutants.
– Improves the quality of the indoor air, with its recirculation’s system and indoor air purification’s system.
– Recovery of the heat from indoor space, so as to reduce the energy consumption for heating and cooling.
– The plants inside the device guarantees the optimum humidity in indoor spaces.

 

3- ATPC – Active Tire Pressure Control system

Project Manager: Prof. Stefano d’Ambrosio

The outputs of the calculations will be displayed on a user interface, to simulate how these data may be provided to the driver. In case the software-only solution is implemented on-board, the driver will still be in charge for manually adapting the tire pressure. Or, in case an automatic system is present on-board to manage autonomously tire inflation pressure, the calculated pressure can be provided as input to the actuators unit to inflate or deflate tires according to the need.

In this project, the software is running on a dedicated electronic hardware, which will be fed with data acquired from the vehicle electronic control unit through the diagnostic port (OBD), in addition to data acquired from the Tire Pressure Monitoring System, the GPS module and an inertial unit. These data will be provided to the experimental ECU through a vehicle simulator able to reproduce the CAN signals as originally acquired on-board. The software prototype will be coupled to the actuator unit of the ATPC – Active Tire Pressure Control system, developed and prototyped by the homonymous student team at Energy Department, Politecnico di Torino.

 

4 – COOLTIED. Cooling device for electric machines

Project Manager: Prof. Paolo Guglielmi

 

 

 

 

The present project aim to develop a specific cooling device for electric machines. The  development of such an element would allow for an easier integration of power electronic and electric machine, leading to a more compact and electromagnetic compatible solution. The speficic component will cool directly the copper inside the stator of the electric machine allowing also for the power electronic sustain and cooling.

These very nice features would be possible thanks to specific shapes in the electric machine and to the adopted materials actually available on the market.  The final result will be a real power electronic drive more than the sum of a power electronic box summed with an electric machine. The project starts with a real application based on previous project with a multiphase machine

 

5 – Condensatori per circuiti risonanti in applicazioni di potenza

Project Manager: Prof. Paolo Guglielmi

Il presente progetto è mirato allo sviluppo di condensatori realizzati tramite la tecnologia dei circuiti stampati multistrato per applicazioni ad alte tensioni, alte frequenze e alte correnti. Esempi classici di applicazione per i prototipi che si intendono realizzare sono tutti i sistemi legati al riscaldamento, alla saldatura, alla tempra e alla fusione tramite induzione elettromagnetica. In particolare, tale idea di tecnica realizzativa è nata per essere applicata alla realizzazione dei condensatori usati nei sistemi di ricarica wireless per veicoli elettrici sia a con veicolo fermo che in movimento. I condensatori realizzati possono superare i componenti attualmente disponibili sul mercato in termini di tensione tollerata, efficienza, dimensione e costo con precisioni di realizzazione estremamente elevate.

 

6 – De-icing system integrated in the aircraft

Project Manager: Prof. Paolo Maggiore

This invention is related to an anti-ice system fully integrated inside the structural panel of the leading edges. It is made by an aluminium or titanium sandwich panel with a trabecular core that acts both as heat exchanger and structural function. In this manner an improvement in the thermal efficiency it is achievable together with a reduction of the global mass.

Applications:
– Anti-Ice system for aircraft or helicopters
– Anti-Ice system for engine nacelles
– Anti-Ice in the fan blades

Advantages:
– Terrestrial high efficiency-heat exchanger
– Enhancing of the stiffness of the panel
– Better energy absorption (bird strike)
– Reduced thickness of the external wall
– System simplification
– Simplified maintenance
– Multi functional integration

 

7 – Device and method for the detection of the motion of a passenger car and the estimation of its sideslip angle

Project Manager: Prof. Stefano Mauro

The technology has the aim of measuring the main typical quantities that describe the kinematic behaviour of  a vehicle by the sensors included in a common smartphone and without any connection to the CAN network. The measured data can be used to evaluate the driving style, and they can be applied in drivers’ training as well as in sporting environment to monitor and increase the performance.

The proposed system can carry out measures which now are performed by expensive sensor sets, that makes impossible for trainers and small racing teams to use these kind of data in their business. The final product will be an application for Android phones.

 

8 – VITAL-ECG.  Dispositivo indossabile per l’acquisizione di segnali elettrocardiografici (ECG)

Project Manager: Prof. Eros Pasero

VITAL-ECG è un dispositivo in grado di monitorare i parametri vitali più importanti richiesti per il monitoraggio della salute di un paziente. Un normale orologio da polso (del tipo smartwatch) permette con un semplice tocco di dito di rilevare l’Elettrocardiogramma, il battito cardiaco, il livello di saturazione dell’Ossigeno nel sangue, la temperatura, l’umidità superficiale e il movimento compiuto dal soggetto nelle ultime ore. Le informazioni sono visualizzate da uno smartphone, registrate e inviate a un centro di assistenza medica remoto. Una semplice analisi è anche in grado di segnalare eventuali possibili problematiche. L’aspetto più interessante del dispositivo è che non richiede alcuna tecnica particolare. È infatti sufficiente toccare l’orologio per avere in 10 secondi tutte le informazioni.

 

 

9 – Bromide enhanced ozonation of wastewater with high loads of ammonia nitrogen

Project Manager: Prof. Barbara RUFFINO

The patent is aimed at treating industrial wastewaters, containing high concentrations of ammonia, by using an ozonation process that avoids generation of nitrate.

The treatment is based on the optimization of an already-know process that uses the reaction between ozone and bromide to generate hypobromous acid (HOBr) and, through this, gaseous nitrogen.

With the PoC project we want to better understand the role of some boundary conditions on the success of the process and on the generation of unwanted byproducts (bromate, BrO3-).

BOUNDARY CONDITIONS:
– Ratio between O3 : NH4+ : Br
– pH and agents for its regulation (HCO3-, PO4=, citric acid or others)
– Presence of organic matter

Applications:
– Treatment of wastewaters originated from the adsorption of ammonia
– Purification of wastewater of municipal and industrial origin if natural bromide is present
– Purification and sanification of waters from aquaculture ponds in marine environments

Advantages:
– Rapid process for the ammonia removal
– No generation of sludge from precipitation processes
– No need of buffering species for wastewaters with high alkali content
– Control of the nitrate generation
– Low environmental impact

 

10 – Method for the controlled delivery of colloids in porous media

Project Manager: Dott. Tiziana Tosco

Over 1.2 million of contaminated sites across Europe. Only 60,000 already remediated. EPA estimated a cost of $250 billion to remediate 350,000 polluted sites in USA.
Nanoremediation is an innovative technology for the remediation of contaminated aquifers, which involves the subsurface injection of engineered nanoparticles (NPs) to create a reactive zone for in-situ treatment of pollutants.

PROS: It is a non-invasive and flexible approach, which can significantly reduce the time needed for the site restoration even in presence of strongly recalcitrant pollutants.

CONS: High cost of NPs and no control on NP distribution and long term fate.

The PROBLEM: In field applications, effective delivery and appropriate dosing of NPs is necessary for the correct emplacement of the in situ reactive zone and to minimize remediation costs. NPs need to be precisely delivered to the target zone and to be stable over time, to extend the remediation lifetime and to prevent their uncontrolled migration. NanoTune is an innovative method to precisely control the transport and distribution of NPs in porous media and optimize nanoremediation. The method involves the tuned injection of a stable NP suspension and of a retardant agent to induce the controlled and irreversible accumulation of nanoparticles within a target zone.

Tuned and Irreversible deposition of iron oxide NPs was achieved at the center of sand columns by applying the NanoTune approach in simple domains (laboratory scale). An integrated experimental – modelling approach was developed to design the case-specific injection protocol for NP immobilization in 1D geometry.

EXPECTED RESULTS:
– Technology tested and validated in extremely controlled conditions
– Model supported design for large scale applications
– Ready for testing in real field sites!

Maker Faire Rome 2017: il Politecnico partecipa con il CLIK

Maker Faire Rome 2017: il Politecnico partecipa con il CLIK

Si chiamano RAX e ToDAy e sono i due prototipi funzionanti interamente sviluppati all’interno del CLIK, il Contamination Lab & Innovation Kitchen che hanno partecipato alla Maker Faire Rome 2017, la fiera che celebra la cultura del “fai da te” in ambito tecnologico alla base del “movimento makers”, dove aziende, appassionati e scienziati possono partecipare a workshop ed incontri per la condivisione delle ultime novità tra innovazioni e invenzioni. L’evento romano è il più importante nel mondo fuori dagli USA e il secondo più visitato al mondo, avendo fatto registrare l’anno scorso il record di presenze con 110.000 visitatori.

Il Politecnico era quindi presente con i due progetti RAX e ToDay, innovazioni per l’assistenza virtuale: il primo è una soluzione utile in caso di riunioni di lavoro o conferenze che, dietro input vocale, attiva il movimento di un dispositivo dotato di fotocamera e microfono, permettendo ai relatori lungo il tavolo di fare streaming video a un monitor esterno;  ToDAy  (Tutorial Developer Assistant) invece è un apparecchio in grado di registrare tutorial mentre vengono realizzati, fornendo aiuto tramite l’attivazione vocale durante situazioni in cui non c’è tempo o modo di interrompere il lavoro.

I lavori sono stati realizzati impiegando il software di riconoscimento vocale di Alexa (l’assistente virtuale di Amazon) e di schede Raspberry Pi3, utilizzando poi una stampante 3D per creare il prototipo. La progettazione iniziale è avvenuta durante l’hackathon che a fine settembre ha inaugurato il CLIK, lo spazio del Politecnico dove gli studenti possono sperimentare e mettere in pratica le loro competenze apprese a lezione in un ambiente informale che promuove lo spirito creativo.

Con l’avvio del CLIK è stata anche sancita la collaborazione tra l’Ateneo e i primi due partner, Conrad Electronic e Mouser Electronics, che hanno messo a disposizione la propria attrezzatura nel laboratorio innovativo destinato agli studenti. In occasione della Maker Fair i due team del Politecnico sono stati ospitati presso gli stand dei partner, dove hanno mostrato i loro prototipi al pubblico riscuotendo l’interesse di alcune aziende e dei visitatori.

Arrivare a “fare” partendo da diversi “saperi” è uno degli obiettivi alla base della nascita del CLIK: per trasferire la conoscenza e i frutti della ricerca alla società e alle imprese la contaminazione tra le varie discipline è ormai un elemento chiave per collegare le idee e le capacità di innovare degli studenti alle richieste del mondo industriale ed economico.

Tre spinoff del Politecnico premiate al Premio Nazionale Innovazione

Tre spinoff del Politecnico premiate al Premio Nazionale Innovazione

Ottimo risultato per le spin off del Politecnico al PNI2017 – Premio Nazionale per l’Innovazione, promosso dalla rete nazionale degli incubatori di impresa universitari (PNICube) e FS Italiane, che si è tenuto presso l’Università di Napoli il 30 Novembre e il 1° Dicembre 2017.

In gara 1031 idee di impresa e 530 business plan, che hanno consentito l’individuazione di 65 startup finaliste suddivise nelle 4 categorie principali (ICT, Industrial, Life Sciences, Cleantech & Energy).

Vincitrice per la categoria ICT (sponsorizzata da Pricewaterhouse Coopers Spa) e del Premio speciale “Shark Bites” di 50.000 euro assegnato da Boost Heroes, società di Venture Capital, è stata la torinese Ermes Cyber Security.
Nata come spin-off del Politecnico di Torino, la società fa parte del programma di incubazione di I3P ed è stata fondata da Hassan Metwalley, Stefano Traverso e Marco Mellia con lo scopo di proteggere aziende ed utenti dal furto di informazioni sensibili ad opera di sistemi di profilazione, i cosiddetti web tracker, algoritmi che analizzano il traffico internet e da esso estraggono informazioni che permettono di far apparire pubblicità targettizzate sulla base della cronologia web.

Premi speciali assegnati anche ad altre due spin off dell’ateneo incubate presso I3P: ad Aquasmart il Premio Speciale “Innovation Award” – Ambasciata Britannica, assegnato ad una società già costituita e con concrete ambizioni di espansione internazionale. Il premio include l’opportunità per un rappresentante della start-up selezionata di accedere gratuitamente a un Investor Readiness Training – Bootcamp.
Aquasmart è la startup che propone una soluzione hardware e software innovativa (brevetto depositato insieme al Politecnico di Torino) con lo scopo di aiutare i gestori idrici a non sprecare acqua dolce e, al contempo, di rendere le reti idriche meno costose e più facili da gestire, in modo da garantire un costante accesso all’acqua potabile a tutti i cittadini.

Alla startup WoundViewer è andato invece il Premio Speciale “Innovazione Health Care”, assegnato dall’’Associazione Italiana Ingegneri Clinici (AIIC), nell’ambito del Progetto Innovazione, rivolto allo sviluppo di soluzioni per l’innovazione tecnologica nell’erogazione dei servizi sanitari. Vengono offerti al vincitore: supporto economico per lo sviluppo dell’idea imprenditoriale; un coach AIIC per facilitare lo sviluppo del progetto imprenditoriale con riferimento alla sua presentazione al mercato; un supporto per individuare siti ospedalieri disponibili per la sperimentazione clinica; uno spazio di presentare dell’iniziativa.
WoundViewer ha messo a punto un dispositivo medico che acquisisce e processa automaticamente, in pochi minuti, le immagini delle ferite ulcere cutanee, attraverso un algoritmo di intelligenza artificiale (AI) in grado di fornire al medico i parametri fondamentali delle lesioni e di organizzare le informazioni in cartelle cliniche digitali. Il device permette agli operatori sanitari di identificare sin da subito la migliore terapia per il paziente, riducendo di oltre il 30% il rischio di complicazioni cliniche.

Le tre aziende – che hanno ottenuto l’accesso a PNI2017 in quanto posizionatesi tra i primi 6 classificati nel corso della Startup Piemonte e Val d’Aosta nell’ottobre scorso – nascono da brevetti di tecnologie che derivano dalla ricerca del Politecnico e che l’Ateneo ha licenziato loro, a conferma della consolidata capacità del Politecnico di creare un processo di trasferimento tecnologico ormai ampiamente riconosciuto e apprezzato.

Il processo di creazione di imprese innovative messo in pratica dal Politecnico di Torino dimostra sempre di più di raggiungere risultati di qualità e sostenibili – commenta Emilio Paolucci, Vice Rettore per il Trasferimento Tecnologico – tutti i vincitori di StartCup Piemonte e Val d’Aosta sono del Politecnico e alla finale nazionale le nostre tre spin off hanno vinto quattro premi, tra cui quello come migliore nell’ICT. Tutte queste start up vedono la presenza di PhD all’interno dei propri team, prestano attenzione alla valorizzazione della proprietà intellettuale, hanno ottenuto dall’Ateneo un finanziamento di tipo Proof of Concept e supporto amministrativo: tutti elementi ormai imprescindibili per il successo dell’attività di trasferimento tecnologico“.

Con la tecnologia “Enertun” la metropolitana può riscaldare (e raffrescare) le case

Con la tecnologia “Enertun”  la metropolitana può riscaldare (e raffrescare) le case

La geotermia è un principio che sfrutta il calore naturale della Terra per ottenere energia termica che può essere impiegata per uso domestico. In poche parole, si tratta di utilizzare il calore naturalmente prodotto dal nucleo del nostro pianeta, che si diffonde anche a poche decine di metri sotto la superficie. Il principio è piuttosto noto e utilizzato in diversi contesti, ma quello che succederà a Torino è unico in Italia: grazie a un brevetto del Politecnico di Torino, sarà possibile utilizzare la costruzione di un’infrastruttura di trasporto, come la metropolitana, per ottenere calore in inverno e raffrescare gli ambienti in estate. Il tutto utilizzando un elemento già strutturalmente presente nelle gallerie, cioè il “concio”, la struttura di calcestruzzo armato che riveste i tunnel e che, nel progetto del Politecnico, diventa “energetico”, cioè viene integrato con tubi contenenti un fluido che scambia il calore con il terreno circostante e lo può trasportare in superficie.

Il primo “concio energetico” italiano si chiama ENERTUN e grazie alle sue potenzialità è stato finanziato dal Politecnico di Torino attraverso il bando Proof of Concept, dedicato alla validazione e prototipazione delle tecnologie. Il concio è stato installato a scopo sperimentale nella tratta Lingotto-Bengasi della linea 1 della metropolitana di Torino in fase di costruzione.

La presentazione del progetto avverrà alla presenza di Emilio Paolucci, Vice Rettore per il Trasferimento Tecnologico del Politecnico di Torino, Maria Lapietra, Assessore ai Trasporti del Comune di Torino e Giovanni Currado, Amministratore Unico di Infra.To e inaugurerà il campo sperimentale realizzato nell’ambito di un progetto congiunto tra Politecnico di Torino, Infra.To e Consorzio Integra (CMC).

ENERTUN è un elemento strutturale prefabbricato di rivestimento della galleria che consente di scambiare calore con il terreno adiacente in modo da produrre energia termica. Può essere impiegato nella realizzazione di gallerie scavate mediante TBM, le cosiddette ‘talpe’, trasformando la galleria stessa in un grande scambiatore di calore con il terreno per realizzare sistemi di condizionamento e riscaldamento degli edifici in superficie e per produrre acqua calda.

Il progetto, realizzato dal gruppo di ricerca Rockmech, consentirà di testare lo scambio termico del prototipo di galleria energetica nel sottosuolo torinese in vista di possibili applicazioni future, come ad esempio la linea 2 della metropolitana.

 

Il professor Marco Barla, docente del Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Edile e Geotecnica del Politecnico, spiega: “La realizzazione di una galleria energetica consente di sfruttare il fatto che la temperatura del sottosuolo alla profondità di realizzazione dello scavo sia sostanzialmente costante tutto l’anno. Ad esempio a Torino risulta di 14°C, quindi molto più bassa della temperatura esterna estiva, mentre d’inverno è vero il contrario. Grazie ad una pompa di calore si può sfruttare questa differenza di temperatura per ‘spostare’ il calore da una parte all’altra, rinfrescando gli edifici d’estate e riscaldandoli d’inverno. Il concio ENERTUN consente lo sfruttamento intelligente di una fonte energetica locale e rinnovabile. Può trovare applicazione soprattutto nelle aree urbane, magari integrando la galleria energetica ai sistemi di teleriscaldamento. Si pensi ad esempio alla linea 2 della metropolitana di Torino che dovrebbe transitare in aree dove sono previsti nuovi insediamenti che potrebbero beneficiare del calore del sottosuolo, riducendone così l’impronta ecologica”.

“Abbiamo installato due anelli interamente costituiti da conci geotermici. È stato un lavoro impegnativo che ha richiesto oltre un anno e la collaborazione di molte persone. I primi dati raccolti dalla campagna sperimentale mostrano risultati molto promettenti, anche leggermente superiori alle valutazioni ottenute mediante i modelli numerici. La sperimentazione continuerà per un altro anno. Siamo molto fiduciosi di veder ripagati gli sforzi fatti”, aggiunge l’ingegner Alessandra Insana, dottoranda del Politecnico che sta seguendo in prima persona la sperimentazione in corso.

Il valore aggiunto di questa tecnologia risiede soprattutto nel fatto che si utilizza di fatto una struttura che sarebbe stata realizzata comunque. Viene così meno la necessità di scavare appositamente sonde e pozzi geotermici, con una conseguente riduzione dei costi complessivi.

Acqua potabile dal mare grazie al progetto Saltless

Acqua potabile dal mare grazie al progetto Saltless

Una persona su dieci nel mondo non ha accesso all’acqua potabile e la FAO stima che, entro il 2025, circa 1.8 miliardi di persone vivranno in paesi con assoluta scarsità d’acqua, mentre ben due terzi della popolazione potrebbe essere soggetta a “stress idrico”. Una delle possibili soluzioni per migliorare questa situazione arriva dalla tecnologia, che permette di ricavare acqua pulita e potabile anche dall’acqua del mare.

Il gruppo di ricercatori del Dipartimento Energia del Politecnico di Torino coordinato da Eliodoro Chiavazzo e composto da Pietro Asinari, Matteo Fasano, Matteo Morciano, Remo Boccacci e Mariella Almiento ha lavorato in questa direzione, proponendo una nuova tecnologia per la dissalazione.

L’idea al centro di questa tecnologia è rendere potabile l’acqua di mare grazie a un processo di distillazione su più stadi, che permette di separare in modo efficiente il sale dall’acqua. Con il progetto SALTLESS finanziato dal Politecnico di Torino nell’ambito dell’iniziativa “Proof of Concept”, è stato quindi possibile realizzare un prototipo che dimostrasse la bontà e sostenibilità dell’idea.

Un po’ più nello specifico, questa tecnologia si basa su un processo di evaporazione e condensazione in serie. L’acqua di mare viene fatta evaporare e successivamente condensare a temperature differenti in più stadi, ottenendo così acqua perfettamente potabile. Questo processo di distillazione è reso possibile da una sorgente di calore: l’elemento innovativo della tecnologia è la possibilità di alimentare questo processo con una fonte di calore “di recupero”, anche di scarso pregio e relativamente bassa temperatura. I ricercatori, infatti, hanno studiato la possibilità di impiegare il calore normalmente dissipato in ambiente dal circuito di raffreddamento (il radiatore) o dai gas di scarico di un motore Diesel.

Questa scelta non è casuale, in quanto tali motori sono già utilizzati nei gruppi elettrogeni presenti in molte località isolate in Paesi in via di sviluppo oppure in condizioni di emergenza (ad esempio ospedali da campo, campi profughi, calamità naturali). Grazie a questa soluzione, dunque, è possibile offrire contemporaneamente tre effetti utili: elettricità (dal gruppo elettrogeno), acqua potabile (dal distillatore) e acqua calda a uso sanitario (quanto rimasto dal processo termico di dissalazione). Questo triplice effetto, unito al funzionamento off-grid – cioè senza il bisogno di collegamento alla rete elettrica –, risponde alle necessità base di piccoli insediamenti isolati e non raggiunti in modo continuativo da servizi centralizzati.

Nella versione attuale, il dissalatore è in grado di fornire più di 100 litri di acqua al giorno, quantità sufficiente a soddisfare i bisogni primari di una cinquantina di persone, per esempio i pazienti di un ospedale da campo. Una successiva industrializzazione e ingegnerizzazione del dispositivo – i ricercatori sono ora in cerca di aziende interessate allo sviluppo di questa tecnologia – potrà consentire di raggiungere volumi di acqua potabile ancora superiori, contribuendo a dare una risposta al bisogno crescente di acqua potabile nel mondo.

Salute e tecnologia: accordo con Thermo Fisher Scientific

Salute e tecnologia: accordo con Thermo Fisher Scientific

Formazione e ricerca congiunte, scambi di studenti e ricercatori per contribuire all’innovazione in uno dei settori chiave dell’economia e della società del futuro: quello delle scienze della vita e delle tecnologie per la salute. È questo l’oggetto dell’accordo siglato da Politecnico di Torino e Thermo Fisher Scientific nel corso dell’incontro “The future of Health through a Technology Lens: from Precision Medicine to Big Data as Boost for a Healthier World”, che ha visto il confronto tra rappresentanti dell’azienda cinese e docenti, ricercatori e studenti dell’ateneo sui temi delle tecnologie più all’avanguardia nel settore biomedicale.

I campi di collaborazione sono vari, dalla medicina di precisione all’uso dei big data, fino alle tecnologie più all’avanguardia, campi nei quali il Politecnico ha una solida tradizione e porta in dote un know-how riconosciuto a livello internazionale. Thermo Fisher Scientific, azienda leader a livello mondiale nel settore delle tecnologie per la salute, intende promuovere partenariati con istituzioni accademiche di livello internazionale nel campo della ricerca di base e applicata, come ha ricordato Gianluca Pettiti, Presidente di Termo Fisher Scientific China ed ex-allievo del Politecnico, intervenuto con un seminario rivolto agli studenti, in cui ha anche richiamato l’importanza del suo percorso formativo per la sua carriera.

Nel corso della mattinata di scambi di esperienze, organizzata dal professor Danilo Demarchi del Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni, il Vice Rettore per il Trasferimento Tecnologico Emilio Paolucci ha ricordato la valenza dell’accordo per creare esperienze internazionali per gli studenti del Politecnico, oltre che per condividere attività di ricerca su temi strategici come quelli della salute: “Sfide come quelle della salute sono quanto mai attuali e riguardano tutti, a livello globale per le implicazioni che avranno per la nostra società ed economia. È quindi quanto mai importante stringere partnership strategiche con aziende di rilevanza internazionale, come Thermo Fisher Scientific, per essere parte attiva dei processi di innovazione in atto. Lavoreremo insieme su tematiche di lungo periodo, forti anche della nostra conoscenza della realtà cinese, con la quale abbiamo forti collaborazioni e nella quale sarà possibile creare anche nuove opportunità per il futuro dei nostri laureati. L’esempio del Presidente Gianluca Pettiti, nostro brillanti ex allievo, è in questo senso estremamente significativo e può essere di ispirazione per i nostri studenti e laureati”.

Al termine della mattinata l’ingegner Pettiti è stato insignito del titolo di “Alumnus Testimonial”, riconosciuto agli ex-allievi che si siano particolarmente distinti nelle loro carriere professionali.

Quattro Team del Politecnico premiati all’edizione 2017 di STARTCUP PVdA

Quattro Team del Politecnico premiati all’edizione 2017 di STARTCUP PVdA

Tre spinoff del Politecnico hanno vinto il diritto di partecipare al Premio Nazionale dell’Innovazione (PNI) che si terrà a Napoli i prossimi 30 novembre e 1° dicembre. Si tratta di: Wound Viewer, 2° classificato che vince 15.000 euro; Ermes Cyber Security 3° classificato con un premio 10.000 euro; Aquasmart 4° classificato.

Per SurgiFET, altra spinoff del Politecnico, menzione “Pari Opportunità” in quanto miglior progetto a promuovere il principio di imprenditorialità femminile.

Dopo una valutazione tra 128 team partecipanti sono state 10 le startup selezionate per la fase finale della 13°edizione 2017 di Start Cup Piemonte e Val d’Aosta, la competizione regionale che decreta gli ammessi a quella nazionale.

Tra queste ben cinque sono i team “originati” dal Politecnico:

Aquasmart: presenta una Soluzione hardware e software per aiutare i gestori idrici a diminuire le perdite e a gestire la rete attraverso algoritmi di machine learning.

Ermes  Cyber Security: offre una piattaforma per permettere alle aziende di riprendere il controllo delle informazioni che espongono sul Web e di difendersi da tutti i rischi generati dai Web tracker.

SoundBubble: propone di risolvere l’inquinamento acustico tramite un’applicazione software che offre all’utilizzatore la possibilità di controllare il rumore che lo circonda nell’ambiente di lavoro.

SurgiFET: si occupa di produrre e commercializzare un dispositivo medicale per riparare tessuti lesionati, in grado di sostituire l’utilizzo dei punti di sutura e permettere  la rigenerazione del tessuto stesso.

Wound Viewer: presenta un sistema in 3D di misurazione  e monitoraggio delle ulcere cutanee in grado di facilitare il lavoro dei medici e migliorare la guarigione dei pazienti.

Un risultato importante per il nostro Ateneo che dimostra un processo consolidato di creazione delle imprese innovative e del loro supporto. L’obiettivo infatti è “lanciare” start up che abbiano già raggiunto elevati livelli di qualità, riconoscibili da investitori e aziende. Questo approccio strutturato e gestito dall’Area per il Trasferimento Tecnologico, richiede maggior tempo e grande attenzione nelle fasi di avvio imprenditoriale, dovendo proteggere i diritti di proprietà intellettuale nati dalla ricerca, irrobustire l’idea di business, testare e prototipare la tecnologia, comporre il team secondo un approccio multidisciplinare.

La Start Cup
La Start Cup è organizzata da PNICube (Associazione Italiana degli Incubatori Universitari e delle Business Plan Competition). Nasce per mettere a confronto progetti d’impresa tramite la stesura e la presentazione dei loro business plan. Obiettivo dell’evento è promuovere l’imprenditorialità di imprese innovative e ad alto contenuto di conoscenza, presentandole a imprese e finanziatori.

Nella prima fase, il Concorso delle Idee, le start up hanno presentato la loro idea di impresa.
Nella seconda fase, Il Concorso dei Business Plan, il progetto presentato doveva avere un alto contenuto di tecnologia. I team partecipanti possono partecipare ad una sola delle fasi o ad entrambe.

Riduzione della “spazzatura spaziale” grazie alle tecnologie aerospaziali del Politecnico di Torino

Riduzione della “spazzatura spaziale” grazie alle tecnologie aerospaziali del Politecnico di Torino

Il tema della riduzione dei detriti lasciati nello spazio dai satelliti sta acquisendo una crescente importanza con la crescita del loro numero.

In questo ambito il Politecnico di Torino ha siglato un accordo con la startup italiana D-Orbit relativo alla licenza di brevetti che riguardano tecnologie sviluppate e brevettate dal Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale (DIMEAS) dell’Ateneo. Si tratta del frutto di ricerche focalizzate sull’individuazione del baricentro e della velocità angolare di corpi orbitanti nello spazio, che contribuiranno a rendere più sicure e meno complesse le fasi di “commissioning” e “decommissioning”, cioè la messa in orbita e lo smantellamento a fine vita dei satelliti, spesso connessi tra loro in costellazioni.

D-Orbit è una giovane startup, già consolidata a livello internazionale. Dal 2016 fa parte di TeSeR – Technology for Self-Removal of Spacecraft, il progetto dell’Unione Europea guidato da Airbus Defence and Space per ridurre il rischio di collisione tra detriti orbitali e veicoli spaziali. Ha sviluppato un innovativo sistema di propulsori indipendenti per satelliti e nanosatelliti che permettono di ridurre tempi e rischi dei viaggi nello spazio: rimangono inattivi fino al momento necessario, quindi entrano in azione per guidare il satellite dove serve. Questa procedura evita le problematiche dell’attuale generazione di satelliti: tempi molto lunghi -fino a sei mesi- per arrivare alla corretta orbita operativa, e una difficile gestione del rientro, spesso compromesso per la scarsità di carburante ancora disponibile. La regolamentazione internazionale sui detriti che orbitano intorno alla Terra e sullo smantellamento dei satelliti si è fatta molto stringente, per evitare ulteriore accumulo di “spazzatura spaziale” e il rischio di collisioni con altri satelliti, presenti e futuri. Per rimuovere il satellite si deve quindi riportarlo a terra oppure spostarlo nella cosiddetta “orbita cimitero”, ad una considerevole distanza di sicurezza.

Con questo accordo nel settore aerospaziale il Politecnico conferma sia la capacità di realizzare ricerca di qualità sia l’attenzione a trasferirne i risultati  e a collaborare con aziende con progetti rilevanti, come dichiara il Vice Rettore al Trasferimento Tecnologico Emilio Paolucci“Gli investimenti del Politecnico sul fronte del Trasferimento Tecnologico degli ultimi anni stanno dando i loro frutti. Attraverso il nostro crescente network di imprese e investitori abbiamo instaurato una collaborazione con D-Orbit, che riteniamo strategica grazie alle competenze del Politecnico nel campo aerospaziale e alla visione dell’impresa sul futuro di questo settore. Gli accordi riguardanti i brevetti del Politecnico sono solo il primo passo di una collaborazione che, siamo certi, si svilupperà in molte direzioni.

“D-Orbit e il Politecnico di Torino hanno in comune lo stesso DNA in campo tecnologico e sociale,” ha commentato Luca Rossettini, CEO di D-Orbit. “Siamo sicuri che i risultati di questa collaborazione daranno forma all’industria spaziale del futuro, e che avranno un impatto a cascata per l’umanità in generale. In particolare siamo sicuri che questo inizio di collaborazione offrirà alla nostra azienda un accesso ad innovazione, nuove skills e ingegneri ottimamente formati, e offrirà al Politecnico un complemento ideale alle loro eccellenti attività istituzionali e a quelle rivolte all’industria”.

Fotografie per misurare l’andamento delle piogge: è possibile grazie a IR2 di WaterView

Fotografie per misurare l’andamento delle piogge: è possibile grazie a IR2 di WaterView

WaterView approda al Meteorological Technology World Expo 2017: la startup fondata dai tre ingegneri del Paola AllamanoPaolo Cavagnero e Alberto Croci, riconosciuta come spin-off del Politecnico di Torino e ospite di I3P, è tra i partecipanti dell’importante evento fieristico di Amsterdam.

Si tratta infatti della più importante manifestazione al mondo dedicata alle  novità in materia di tecnologie per il monitoraggio e la previsione dei fenomeni meteorologici: ed è in questo contesto globale di decision maker ed eccellenze del settore che esordisce IR2 –Instant Rain Rate.

Da un’idea nata nei laboratori del Politecnico, la ricerca si è concretizzata nel software innovativo che  applica tecniche di image processing per misurare in tempo reale l’intensità della precipitazione atmosferica; partendo da immagini fotografiche, che possono provenire da diversi dispositivi come telecamere di videosorveglianza, webcam e smartphones, in cui siano visibili le gocce di pioggia in caduta, si delinea l’intensità delle precipitazioni.

Ad Amsterdam, WaterView ha proposto, basati su tecnologia IR2 Raincam, in partnership con Axis Communications leader nel settore video di rete, grazie a cui è possibile trasformare le telecamere di videosorveglianza in sensori intelligenti in grado di misurare con continuità l’intensità della pioggia e Rainspotting, che serve invece ad abilitare il crowdsourcing di immagini ottenute con lo smartphone.

Siamo orgogliosi di poter presentare IR2 in questa prestigiosa occasione – ha commentato Paola Allamano, cofondatrice di WaterView S.r.l. – Partecipando alla fiera di meteorologia più importante al mondo vogliamo dimostrare come lo scatto di una semplice fotografia rappresenti oggi la soluzione più rapida, efficiente, economica per misurare la pioggia in modo affidabile e in tempo reale. Le aziende, gli addetti ai lavori e le organizzazioni alla ricerca di tecnologie e servizi di nuova generazione per le previsioni meteorologiche e le misurazioni dei cambiamenti climatici potranno contare su una sorgente di dati tanto inedita quanto diffusa intorno a noi, davvero in grado di rivoluzionare il monitoraggio delle precipitazioni atmosferiche”.

Tutte le misure ottenute da IR2 infatti vengono memorizzate in un database e confluiscono in mappe di pioggia che illustrano in tempo reale la situazione delle precipitazioni, intersecando e confrontando più punti di acquisizione delle immagini, grazie alla grande diffusione dei dispositivi dotati di telecamera.

Oltre alle applicazioni nel campo della gestione urbana e della protezione civile, una modalità di misura della pioggia come quella resa possibile da IR2 consente di ottimizzare l’uso della risorsa idrica e dei trattamenti fitosanitari in agricoltura, ottimizzare il calcolo dei percorsi da parte dei sistemi di guida assistita, migliorare l’efficienza delle reti di trasporto e la logistica delle squadre di soccorso attive lungo la rete viaria, o ancora ottimizzare il pricing delle polizze assicurative o gli iter di riconoscimento di danni legati agli eventi atmosferici.

“WaterView è una storia di successo tra i nostri spin-off”, ha dichiarato Emilio Paolucci, Vice Rettore per il Trasferimento Tecnologico presso il Politecnico di Torino. “È una dimostrazione della capacità di creare innovazione combinando lo sviluppo tecnologico da parte di un team multidisciplinare con il costante supporto fornito dal nostro ufficio di trasferimento tecnologico”.